KAISER ZONCOLAN ANNO 2003



Dopo le esperienze di corsa in linea decidiamo di dedicare la competizione agli specialisti delle cronoscalate e ci inventiamo la Cronosclalata dello Zoncolan partendo da Ovaro.
Otteniamo ampia collaborazione dal Comune di Ovaro in tutti i suoi componenti , Sindaco in testa ( Sig. Lino Not). Ci aspettiamo anche un minor numero di atleti trattandosi di specialità.
Le prescrizioni tuttavia ci confortano come pure le previsioni atmosferiche tant’è che il giorno della gara troviamo ben 70 atleti pronti a sfidarsi sulle rampe del temibile Zoncolan. La bellissima giornata di sole conforta anche gli atleti tra i quali manca lo specialista Anderlini in un primo tempo iscritto alla manifestazione. L’ordine di arrivo evidenzia la classe di Penasa che segna il miglior tempo di sempre.
Gli atleti locali che sono stati a dire il vero poco numerosi forse perché ben consci della difficoltà rappresentata dal moloch friulano.
A fine gara le premiazioni si sono svolte presso il caratteristico auditorium coperto di ovaro alla presenza delle autorità locali. A tutti i partecipanti premi e caratteristici cesti enogastronomici delle produzioni locali.

 

 

 














RESOCONTO E CLASIFICA
La gara odierna segue di sette giorni la spettacolare quarta edizione della Kaiser Zoncolan vinta alla grande da GianniPenasa, ciclista vicentino della Italy Garden. Il quarantaduenne veneto ha stracciato il precedente record abbassandolo di ben 2'3", percorrendo i temibili 10,5 chilometri di salita in 44'42", alla media di 14,180 chilometri orari. Il forfait all'ultimo momento dei già iscritti Anderlini e Marinscek aveva tolto dalla competizione due sicuri protagonisti della gara contro il "Kaiser'" e pochi credevano alla possibilità di assistere, invece, al crollo del record stabilito due anni fa dall'austriaco. Penasa ha costruito la sua splendida prestazione nella parte centrale del percorso, dove le pendenze si accentuano con alcuni tratti al 20%. Qui l'atleta dell'Italy Garden ha messo in evidenza le sue doti di grimpeur aggredendo la salita, conosciuta come una tra le più dure d'Italia.
Al secondo posto si è classificato il varesino Matteo Bosetti del team Ambrosini, giunto però staccato di ben 4'20" dal vincitore. Il terzo posto del podio lo ha occupato il bellunese Stefano Frescura della Galvalux, che ha concluso la cronoscalata in 50'22" .
Fra i regionali, il miglior tempo è stato quello del veterano Paolo Calza (bike shop racing), che con 55'43" ha conquistato anche la terza piazza della sua categoria. Ottima anche la gara di Andrea Sgobino (Spi Monfalcone), che, con 56'30", ha sfiorato il podio dei seniores occupando un onorevole quarto posto. Grande soddisfazione della società organizzatrice, la A&B immobiliare Paulin cicli Nadali, per il risultato ottenuto da Marco Grassi, che con 57'14" è riuscito a occupare il gradino più alto del podio riservato ai cadetti. .
Tra le società netta affermazione della Se-Al di Lauzacco

Classifiche.
Cadetti: 1) Marco Grassi (Amici e Bici - Paulin - Cicli Nadali) 57'14"; 2) Alex Cristin (4R Aiello) 58'31"03; 3) Denis Marchetti (Fun Bike Prati c) 1h 20'36"71. .
Juniores: 1) Matteo Bosetti (Team Ambrosini) 49'2"07; 2) Lorenz Matthew Charles (Te- am Acido Lattico) 54'3"38; 3)' Michele Becia (Cividale Valnatisone) 58'31"61. ','
Seniores: 1) Stefano Frescura (Galvalux) 50'22"89; 2) Lucjan Premrn (Izvir Vipava) . 53'5"05; 3) Gebhard Pertl (Cicli Moro) 53'18"53.
Veterani: 1) Giarmi Penasa (Italy Garden) 44'42"56; 2) Ropret Bojan (Se-Al Lauzacco) 53'25"28; 3) Paolo Calza (Bike Shop Racing) 55'43"32.
Gentlemen:1)IlijaMistrafovic (Se-Al Lauzacco) 58'38"90; 2) Sergio Tolò (Naturabike) 59'37"62; 3) Nittorino Casa¬grande (Bernardi) 1h 6'43"68.
Supergentlemen: 1) Andrea Comis (Fuorisoglia) 1h2'23"23; 2) Giuseppe Finot (Scalon) 1h 7'0"34; 3) Roberto Sava (Cividalesi) 1h 7'31"37.