KAISER ZONCOLAN - ANNO 2001

Abbiamo costituito il nuovo Gruppo Sportivo Amici e Bici Immobiliare Paulin cicli Nadali.
Con questa immagine, con l’esperienza dell’anno precedente e la fattiva collaborazione del Comune di  Ravascletto e dei volontari di  Ovaro  e Liariis intendiamo dare una connotazione più “professionale” all’evento.

L’Udace infatti assegna all’edizione di quest’anno il titolo di “ Campionato Europeo della Montagna” E’ la seconda Kaiser Zoncolan ed il numero dei partecipanti sale a 120. Identico il percorso ma più qualificato il gruppo dei partecipanti tra cui spicca lo specialista Giuliano Anderlini che sarà protagonista in tutti i sensi della gara.

Il resoconto della manifestazione sulla stampa ci conforta e ci convince sulla validità della ns. iniziativa.
Un solo rammarico per il poco seguito che le aziende del settore dedicano alla manifestazione nonostante le ns. richieste. Un ringraziamento invece agli sponsor locali per il sostegno.


Il folto gruppo alla partenza

Il vincitore Marinschek
lungo la salita

Marinschek all'arrivo
 
 


Anderlini duramente
impegnato

La durezza della salita


I Campioni Europei di categoria

RAVASCLETTO-ZONCOLAN - Quando radio corsa aveva annunciato i passaggi dei ciclisti rilevati agli uttimi tre chilometri tutti, i molti appassionati presenti ai 1760 metri di quota sullo Zoncolan, stavano attendendo I'arrivo vittorioso di Giuliano Anderlini (Udace Modena).
II corridore emiliano era stato annunciato con un vantaggio di 20" sull'austriaco Mario Marinschek che da qualche chilometro aveva ceduto, sulle dure rampe che salgono con pendenze anche oltre il 20%, sotto la spinta del blasonato ciclista bolognese vincitore di alcune edizioni della "9 Colli"
Nell'ultimo chilometro l'epilogo della gara con Anderlini improvvisato maratoneta e, causa la rottura del mozzo, costretto a difendere "a piedi" la seconda piazza che sportivamente, con fair-play da vero campione, Davide Ferrari (Albero delle ruote non attacca giungendo terzo sul traguardo della 2° edizione del "Kaiser Zoncolari".
Nuovo record di salita quello stabilito da Mario Marinscek che ha fatto fermare il cronometro dopo 46' e 44", dall'inizio della salita ad Ovaro, abbassando di quasi 4' il precedente record
appartenente al veronese Tiziano Benedetti.
"Salita durissima, non ti dà un attimo di respiro" così l'ha definita Giuliano Anderlini, che comunque è intenzionato a ritentare per scrivere nella storia del "Kaiser Zoncolan" un nuovo record.
La cronaca della gara ha pochi spunti fino alla salita di Ovaro sulla quale si presenta tutto solo, con 3 minuti di vantaggio, l'austriaco Norbert Unterkofler. II battistrada lasciato libero dal gruppo dei 104 partecipanti già a Tolmezzo è ben presto raggiunto, sulle prime erte della salita, prima da Anderlini e poi da Marinscek che viaggiano vicino ai 15 km/ora su una salita che contende al Mortirolo il titolo di "Più dura d'Italia".
Nei chilometri successivi Anderlini allunga il passo proseguendo verso un sicuro record che però è costretto a rimandare quando il suo "cavallo" lo disarciona lasciandolo a ... piedi.
Oltre al record sua eminenza "Kaiser Zoncolan" ha emesso anche il verdetto per il campionato europeo della montagna assegnando ben 9 titoli continentali ad altrettanti amatori.
Nella categoria dei debuttanti ha vestito la maglia di campione europeo Luca Molinari (Cerneglons 87 - locanda al pomo d'oro) mentre, la stessa società, conquista con I'austriaco Franz Tharman anche il titolo tra i Super Gentleman.
La maglia dei cadetti è andata al vincitore assoluto Mario Marinscek (Cicli Moro Austria); Davide Ferrari (Albero delle ruote Modena) ha vinto quella dei junior e Andrea Zanini (Soave dal bosco) ha conquistato quella dei senior.
Tra i veterani ha prevalso Carlo Casata (Cicli Baldo) mentre il primo dei gentlemen è stato Giuliano Anderlini (Udace Modena).
Infine la prima donna è stata Manuela Barel (Natura bike) che ha indossata la maglia riservata alla categoria dame.
II trofeo Carnia Express è stato assegnato alla Se-AI di Lauzacco classificatasi prima con discreto margine davanti agli austriaci cicli Moro e al Cerneglons 87 - locanda al pomod'oro.
I 43 chilometri di gara sono stati percorsi, dal vincitore in 1h e 35' alla media di 27.158 kMh e sono stati 96 i concorrenti che hanno concluso la gara sui 104 partiti da Ravascletto.
Nel corso delle premiazioni sono intervenuti i sindaci di Ravascletto e di Ovaro che hanno ribadito il loro impegno affinché la società ciclistica "Amici & Bici" continui a trovare l'aiuto e l'appoggio per le edizioni venture della Kaiser Zoncolan. Su questa via, aperta dagli organizzatori dell'Udace, ha ribadito il sindaco di Ovaro, potrebbe in un futuro non molto lontano transitare anche il giro d'Italia professionisti per il quale già ci sono stati dei contatti e sopralluoghi da parte dell'organizzazione.
Infine la gara ha ricordato, con il memorial, Claudio Meneghini giovane corridore vittima di un incidente stradale, occorsogli in allenamento, che dopo aver provato la salita del "Kaiser" aveva espresso la sua grande voglia di gareggiare su un percorso così impegnativo. II presidente della società organizzatrice, Maurizio Vidoni, ha brevemente raccontato la storia di questo ciclista che, i suoi genitori, hanno voluto ricordare mettendo in palio i trofei di società.

CLASSIFICA
Debuttanti:
1 Luca Molinari (As Cerneglons); 2 Stetano Corte Loi (Gruppo Galvalux)
.
Cadetti:
1 Mario Marinschek (Gc Cicli Moro); 2 Mirko Mezzanotte (Bici Daunex); 3 Giorgio Federici (Team Punto Pesenti); 4 Riccardo Brumat (Ac Se.AI Lauzacco); 5 Pierluigi Melato (As Autotrasporti).

Junior:
1 Davide Ferrari (As Albero delle Ruote); 2 Dario Martinelli (Gs La Cascina Fiorita); 3 Maurizio Bonin (Team Cicli Cavalera); 4 Paolo Clementi (Ass. Granfondo Granzon); 5 Ales Hren (As Se.AI Lauzacco).

Senior:
1 Andrea Zanini (Gc Soave Dal Bosco); 2 Amos Nardone (Gs Friuli Selle Italia); 3 Gebhard Perti (Gc Cicli Moro Solvepi); 4 Gianni Lorenzon (Gorizia Bike 2000); 5 Gerhard Pertl (Gs Cicli Moro Solvepi).

Veterani:
1 Carlo Casata (Gs Cicli Baldo); 2 Silvano Tittoto (Italgarden); 3 Claudio Pangos (Gs Alfa Lum); 4 Roberto Merli (Gs Pedale Bobbiese); 5 Franco Sottile (Gs Pool Friuli 2000).

Gentlemen:
1 Giuliano Anderlini (Gs Udace Modena); 2 Giuseppe Zanandrea Nc Schio); 3llija Mistrafovic (Ac Se.AI Lauzacco); 4 Giuseppe Zanon (Pedale Finese); 5 Palmiro Spagnol (Gc Mobili Fracas).

Supergentlemen A:
1 Franz Tarman (As Cerneglons); 2 Nino Menghi (Gs Cicloamatori Ravenna); 3 Ezio Olivotto (Gc Ponte Priula); 4 Andrea Comis (Veloclub Fuorisoglia); 5 Osvaldo Del Bianco (Gs Scalon).

Supergentlemen B:
1 Natale De Piari (Gs Bar Quintavalle); 2 Fernando Bizzo (Cicli Matergia). Donne: 1 Manuela Barel (Natura Bike); 2 Simona Krzisnik (Ac Se.AI. Lauzacco).

Società:
1 Ac Se.AI. Lauzacco; 2 Gc Cicli Moro Solvepi; 3 As Cerneglons 87; 4 Gs Alfa Lum; 5 Gs Natura Bike.